Per offrirti il miglior servizio possibile in questo sito utilizziamo i cookies, anche di terze parti a solo scopo statistico. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.

Novità per la prestazione energetica degli edifici

È allo studio il decreto attuativo che definirà le norme tecniche per il calcolo della prestazione energetica e i relativi requisiti energetici minimi specifici sia per i nuovi edifici che per quelli oggetto di ristrutturazioni cosiddette "pesanti" di riqualificazione energetica.
Il decreto, con l’obiettivo di rendere più sostenibili ed efficienti gli immobili, specifica i requisiti minimi da rispettare per gli interventi di riqualificazione che possono sia interessare l'involucro edilizio che gli impianti termici.

Leggi tutto...

L'assemblea condominiale

L’assemblea di condominio è l’organo rappresentativo degli interessi dei condòmini attraverso il quale vengono prese le decisioni sulla gestione delle parti comuni. Viene convocata annualmente in via ordinaria dall’amministratore e in via straordinaria quando lo si ritenga opportuno, dall’amministratore, anche su richiesta di almeno due condomini che rappresentino un sesto del valore dell’edificio.

L’avviso di convocazione deve essere notificato (tramite raccomandata, posta certificata, fax o consegna a mano) a tutti i condomini entro cinque giorni dalla data fissata per la riunione e deve riportare l’ordine del giorno, vale a dire gli argomenti che saranno discussi durante l’assemblea.

Leggi tutto...

Ripartizione delle spese condominiali

In generale, la legge stabilisce che le spese necessarie alla conservazione e al godimento delle parti comuni dell'edificio, siano ripartite tra i condòmini in misura proporzionale al valore della proprietà di ciascuno di essi, salvo diversa convenzione. Nel caso in cui invece si tratti di parti comuni destinate a un diverso godimento da parte dei condòmini, le spese saranno ripartite in proporzione all'uso che ciascuno può farne.

La ripartizione delle spese avviene utilizzando le tabelle millesimali, che rappresentano le quote di proprietà nel condominio di ciascun condòmino, espresso come rapporto fra il valore di ciascuna unità ed il valore dell'intero edificio, fatto pari a 1.000.

Leggi tutto...

Come funziona il condominio

Il condominio nasce quando in uno stesso edificio ci sono almeno 3 condomini. Ogni condomino ha la proprietà esclusiva del proprio appartamento e la comproprietà delle parti comuni quali il terreno su cui si erge l’edificio, il tetto, le scale, il portone d’ingresso, il cortile, l’androne, le fondamenta, i muri maestri, l’ascensore, gli impianti vari.

Ciascun condomino può fare uso della cosa comune rispettandone la giusta destinazione e considerando il diritto degli altri sul suo utilizzo.

Leggi tutto...

Regole per la privacy nel condominio

I dati riguardanti i singoli condomini, sono soggetti a regole ben precise stabilite dal Garante della Privacy. Di seguito alcunealcune aal regole definite dal Garante della Privacy per una corretta gestione dei dati personali da parte dell’assemblea e dell’amministratore condominiale:

Leggi tutto...

L'amministratore di condominio

Con l'ultima riforma del Condominio sono state introdotte novità importanti riguardo la professione dell’amministratore di condominio.

​L'amministratore di condominio è la figura prevista dal Codice civile che funge da organo esecutivo del condominio. Tale figura è stata radicalmente rivista con la riforma del condominio entrata in vigore a fine 2012.

L'amministratore viene nominato obbligatoriamente dall'Assemblea, quando i condomini sono più di otto, il suo mandato dura fino a che la sua nomina non viene revocata, perciò non deve essere più confermato di anno in anno, come invece precedentemente l’entrata in vigore della riforma avveniva.

Leggi tutto...

 NUOVO CODICE DEL CONDOMINIO
(modificato con il DL Destinazione Italia)

 

«Art. 1117. (Parti comuni dell’edificio).

 

Sono oggetto di proprietà comune dei proprietari delle singole unità immobiliari dell’edificio, anche se aventi diritto a godimento periodico e se non risulta il contrario dal titolo:

Leggi tutto...